News

SISTRI nuovo DM 24 aprile 2014, n. 126

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Con un comunicato sul sito del Ministero dell’Ambiente (www.minambiente.it) e sul sito Sistri (www.sistri.it) è stata data notizia della firma, in data 24 aprile 2014, di un decreto ministeriale (il cui testo, in attesa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, si allega alla presente nota) che sposta dal 30 aprile al 30 giugno 2014 il termine per il versamento dei contributi annuali Sistri per i soggetti tenuti ad aderirvi.

Il nuovo DM prevede che gli enti e le imprese produttori iniziali di rifiuti pericolosi obbligati ad aderire a Sistri siano:

  • enti e imprese con più di 10 dipendenti, produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi derivanti da attività agricole ed agroindustriali con più di 10 dipendenti;
  • enti e imprese con più di 10 dipendenti, produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi di cui all`articolo 184, comma 3, lettere b), c), d), e), f) ed h) del D.Lgs. 152/06 1
  • Leggi tutto...

SISTRI Nuova partenza

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Come annunciato dal Ministero dell'Ambiente la partenza del SISTRI riguarderà solo i rifiuti pericolosi e in particolare al 1° ottobre è prevista la partenza solo dei gestori di rifiuti pericolosi. Infatti, l'art. 11 del Decreto Legge 31/08/2013, n.101 (pubblicato sulla G.U. del 31/08/2013 ed entrato in vigore il giorno successivo), prevede che: "sono tenuti ad aderire al sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI) di cui all'art. 188-bis, comma 2, lettera a), i produttori iniziali di rifiuti pericolosi e gli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale, o che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti pericolosi, inclusi i nuovi produttori."

Leggi tutto...

Normativa antimafia per smaltimento rifiuti

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Con l'entrata in vigore della nuova normativa antimafia, introdotta dal D.Lgs. 218/2012 che ha modificato il D.Lgs. 159/2011, sono state riviste le modalità con cui le sezioni dell'Albo Gestori Ambientali acquisiscono la documentazione antimafia, prima di emanare il provvedimento di iscrizione. Maggiori info sul sito della CCIAA Milano

Scadenza validità autocertificazioni - Valutazione dei rischi

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
31 Maggio 2013 Stop alle autocertificazioni delle valutazioni dei rischi. A partire da questo giorno non sarà più possibile auto certificare l’effettuazione della valutazione dei rischi aziendali né di tutte le valutazioni per rischi specifici (rumore, vibrazioni, rischio chimico, ecc.). Tutti i relativi documenti di autocertificazione perderanno la loro validità e dovranno essere sostituiti con documenti più completi. Tutte le imprese dovranno redigere un documento di valutazione dei rischi (DVR) completo, potendosi avvalere delle cosiddette “Procedure Standardizzate” stabilite dal Ministero del Lavoro. L'adempimento riguarda tutte le imprese richiamate dall'articolo 29, comma 5 del Decreto Legislativo 81/2008 (Testo Unico Sicurezza), vale a dire le imprese con dipendenti e/o lavoratori equiparati e le società di persone anche senza dipendenti, per le quali (se rientranti nel limite occupazionale di 10 lavoratori) era possibile avvalersi della possibilità di "autocertificare" la valutazione dei rischi. Le sanzioni previste per il datore di lavoro per inadempienze in relazione alla valutazione dei rischi vanno da ammende comprese tra € 1.000 e € 6.400 (a seconda del tipo di infrazione) fino ad arrivare –nei casi più gravi- all’arresto da 3 a 6 mesi.

TARES - Nuova tassa sui rifiuti urbani

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La TARES ("TAriffa Rifiuti E Servizi", o anche RES) è un'imposta in tema di gestione dei rifiuti introdotta dalla legge 22 dicembre 2011 n. 214, in sostituzione della Tariffa di igiene ambientale (TIA). Il nuovo tributo, introdotto dalla legge 22 dicembre 2011 n. 214, di conversione del decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201 (c.d. "decreto salva italia"), è in vigore dal 1º gennaio 2013 e consiste in un'imposta basata sulla superficie dell'immobile di riferimento, che ha come obiettivo la copertura economica per intero del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti del comune. (da wikipedia)

Leggi tutto

Pagina 1 di 2